‹ Collana 'Gli artisti dello spettacolo alla Scala' ›

Yannis Metlicovitz alla Scala

di Vittoria Crespi Morbio.
Saggio di Vittoria Crespi Morbio, Ritratto di un artista romantico.
Apparati: biografia; catalogo delle opere; cronologia degli spettacoli.
Amici della Scala – Grafiche Step Editrice, Parma 2018.
Edizione italiana – inglese, pp. 181.

Triestino fedele e tenace, Leopoldo Metlicovitz (1868-1944) è un uomo chiave nel complesso sistema pubblicitario di Casa Ricordi, e concorre a formarne la fisionomia. Manifesti, cartelloni, cartoline, disegni da distribuire agli abbonati del teatro, illustrazioni sulle copertine degli spartiti, insegne che reclamizzano un prodotto, a ogni cosa Metlicovitz regala il suo segno deciso e classico. Ma non si ferma a questo: le sue opere grafiche segnano lo spirito del tempo, si fissano nell’immaginario collettivo e configurano un mondo perfetto di eroine del melodramma, grandi magazzini, navi da varare, profumi, oggetti d’uso quotidiano, tanghi argentini. Figlio del decorativismo liberty, Metlicovitz alla fine se ne stacca, privilegiando le atmosfere assorte, il raccoglimento, la posa statica che sa commuovere lo spettatore: dalle sue opere affiora un umanesimo dolente, che ancora oggi riesce ad affascinare.